top of page
109731207_280065190096399_47063912454313

clue

Bisogna vivere con il tempo e con lui morire

304900031_517222597070185_5972094408495134403_n.jpeg
74216819_117883962981190_549508398001946

Produzione: 2020/2021
Genere: Teatrodanza | Musica
Durata: 1 h
Scena: Teatro / Site specific / Tendone


Staff artistico e tecnico in tour: 15 + 2

76608807_115144419921811_329062995736500

sinossi

Lo spettacolo si svolge in un salone in stile vittoriano. Una tavola imbandita, colma di frutti ed oggetti quotidiani, rimanda ad una cena che si è svolta in un passato remoto. Anche i colori caldi ma oramai sbiaditi, fanno intuire il passato che aleggia in quell’ambiente. I fantasmi dei commensali di questa cena, famiglia allargata di ottocenteschi borghesi, rivivono nelle memorie dell’unico superstite, il maggiordomo. I personaggi si aggirano nell’ambiente rendendo fisiche queste memorie, raccontando tramite i vari linguaggi del corpo, della musica, della danza, un amaro passato che li lega a questa casa e nello stesso tempo presentando al pubblico chi erano e che relazioni avevano fra di loro. Il maggiordomo,

personaggio cardine, ancora una volta servirà i suoi antichi padroni accompagnando il pubblico nella scoperta del mistero che vi è dietro la vicenda.

75443008_117115693058017_790079244351832

crediti

una creazione di Lupa Maimone
creato con e interpretato da

Alessio Rundeddu, Amedeo Podda, Gerardo Gouveia, Elie Chateignier, Edoardo Sgambato, Elisa Zedda, Francesca Assiero Brà, Elisa Vizioli, Ivonne Bello, Elsa Paglietti, Lucia Angèle Paglietti, Riccardo Atzori, Sara Vasarri, Sara Perra, Silvia Bandini, Riccardo Serra


violino Elsa Paglietti


disegno luci Tommaso Contu

 

oggetti e scenografie Lupa Maimone


fotografia Federica Zedda

con il sostegno produttivo di Tersicorea
MIC - Ministero della Cultura

 

locandina orizzontale.jpg

note sul progetto

CLUE è il risultato di un corollario di incontri artistici di provenienza nazionale e internazionale: la danza della coreografa Lupa Maimone e l’incontro con danzatori, circensi e musicisti del collettivo Gli Erranti, nato nel 2018 e le cui radici risalgono dal 2016 grazie al progetto di formazione artistica “Cantieri itineranti” di Tersicorea T.off.

Il gruppo di artisti interpreti, battezzato Gli Erranti per la sua peculiarità di collettivo viaggiante, è composto da artisti del territorio sardo e provenienti da diversi paesi, ha lo scopo di creare percorsi atti a implementare la formazione artistica e l'accesso ai percorsi di creazione e di interazione poetica.

un ringraziamento speciale va a Simonetta Pusceddu e Stefano Mazzotta per la fiducia riposta in questo progetto, a Edoardo Demontis per la preziosa complicità artistica, a Riccardo Serra per l’affetto e la partecipazione.

clue

Bisogna vivere con il tempo e con lui morire

press

“Per chi scrive essere catapultato per un’ora in un mondo in cui a parlare è il clamore dei corpi e dello spirito è un dono prezioso. In Clue si viene sedotti da codici completamente alternativi alla parola complessa. Una delle scene più potenti a mio avviso si basa per esempio sul semplice conflitto tra due particelle minime del dire che sono però l’essenza dell’essere liberi: il dualismo tra “si/no”, accondiscendenza o ribellione/rifiuto. Ma non voglio estrapolare momenti o singoli esempi da uno spettacolo che ha in scena 15 attori che stanno sempre contemporaneamente sul palco con dei ritmi ipnotizzanti che mescolano danza, musica, teatro, circo e, appunto, il clamore dei corpi. I clamorosi nei manicomi di un tempo erano una specie di matti, i più complicati da gestire. Per questo Clue ha come effetto sorprendente la riuscita e preziosa alchimia di maneggiare con delicatezza il caos delle personalità catapultandole in scena.
Per un’ora lo spettatore viene trascinato in una proiezione dell’inconscio dove ha infinite combinazioni nelle quali immedesimarsi, nutrite da una spirale pazzesca di azioni sceniche, gesti, caroselli di movimenti, suoni, canti rumori. A rendere tutto clamorosamente reale e tangibile ci pensa l’energia degli attori che hanno potuto contribuire a “scrivere” in modo irripetibile ogni messa in scena perché nel lavoro della regista Lucrezia Maimone si percepisce la naturale (e rara) capacità di predisporre e non di disporre. Ciascuno in scena porta fuori molti “Io” che moltiplicati per quindici attori diventano un godibilissimo caleidoscopio di entropia umana. In scena tutti questi infiniti frammenti riescono a spiegare la molteplicità nell’unità meglio di milioni di parole. Il caos ha un’armonia stupefacente e se viene meno l’accettazione e la capacità di accogliere questa nostra natura caotica e di adeguarci al suo ritmo, ogni altro tentativo di ricomposizione basato su un ordine orientato alla negazione e all’esclusione corrisponderebbe a una insostenibile mutilazione della nostra umanità. Uno spettacolo clamoroso insomma. Nel cui vortice non c’è il tempo di sceglier in che modo emozionarsi, se ridere, inquietarsi o commuoversi, travolti da una tavola imbandita di mescolanze di emozioni così pantagrueliche.”

Andrea Melis

backstage

  • Instagram
bottom of page